Select Page

Chi sono

Sono Paolo Di Pierdomenico, nato nel 1977 e vivo in Italia in provincia di Teramo, a Nereto.

I miei interessi sono l’informatica (laureato all’università di Bologna), il digital marketing, le web analytics, la musica, il gioco di ruolo e la narrativa fantastica.

 

Social links

Informatica, Marketing Digitale, Analytics

L’informatica è per me sia una passione che un lavoro. Fin da piccolo programmavo con il mio amato Commodore 64, poi l’università, la rete e i tanti progetti che ci ruotano intorno. Ho lavorato come informatico fin dal 2000, in varie aziende di software e ced, e in progetti propri come libero professionista, fino a diventare nel 2007 responsabile di prodotto e team leader in Engineering.

Nel 2014 ho lasciato Enginereeng per lavorare a tempo pieno in Argoserv, agenzia di Digital Marketing specializzata in SEO, SEM e Inbound Marketing di cui sono uno dei soci fondatori. Nel 2017 abbiamo venduto l’agenzia e il portale cercocamion.com, alla multinazionale statunitense Sandhills Publishing, per la quale lavoro attualmente come IT manager.

Nell’Aprile 2021 ho collaborato alla pubblicazione del libro SEO ENERGY di Fabio Di Gaetano, edito da Flakowsky (FLACO Edizioni Group), dove ho contribuito scrivendo un capitolo sulla Web Analytics, al pari dei miei colleghi e amici Argoserv.

Visita il mio profilo Linkedin

Narrativa fantastica

Sono sempre stato un appassionato di letteratura d’avventura, horror, di fantascienza (con una predilezione per il cyberpunk) e fantasy. Mi sono avvicinato alla scrittura nel 2007, frequentando forum di scrittori e di case editrici, dove ho trovato persone che mi hanno aiutato a crescere, spesso con critiche tanto feroci quanto preziose, e che in più occasioni mi hanno incoraggiato.

Non scrivo molto, e (finora) ho scritto perlopiù racconti brevi di genere. Ho avuto qualche riconoscimento sul web, vincendo qualche concorso e arrivando a collaborare e pubblicare alcuni racconti presso case editrici indipendenti e intraprendenti, come la Edizioni XII, la Bel-Ami Edizioni e la Nero Press.

Giochi di ruolo

Il gioco di ruolo è stata la mia passione per molti anni, dal liceo fino all’università e oltre. Dungeons and Dragons, soprattutto. Ho scritto alcuni scenari Fantasy, e con La Maledizione del Dio Rosso ho vinto il concorso letterario nazionale Labyrinth per la migliore avventura per giochi di ruolo, e sono stato premiato a Lucca Games nel 2000.

Musica elettronica – il progetto Demiurgo

Adoro i sintetizzatori, il sound design e il sequencing. Insieme a Luca Galli negli anni dal 2007 al 2003 mi sono dedicato alla musica elettronica con il Demiurgo Electronic Music Project. La nostra filosofia era di comporre musica progressiva, ovvero non banale sia dal punto di vista della struttura armonica sia dal punto di vista del tempo. L’ispirazione veniva dal medieval-fantasy, dall’horror e dalla fantascienza, e le musiche sono una sorta di colonna sonora narrativa, in stile elettronico e new age.

Dopo diversi anni di inattività, nel 2020 durante il lockdown per la pandemia, ho recuperato i miei synth e costruito un nuovo setup. Così è avvenuto un vero e proprio nuovo esordio del progetto Demiurgo, con nuove composizioni, nuova strumentazione uno style musicale e visuale rinnovato e nuova strumentazione, ma sempre fedele ai principi e alla visione originaria.

Con questo progetto abbiamo ottenuto ottime recensioni, ci siamo divertiti – e continuo a divertirmi tantissimo. Cito Stefania Carezzoli dell’associazione 21st century music che ha scritto un profilo del duo nel 2002.

Questo duo è composto da Paolo Di Pierdomenico e Luca Galli, grandi amanti dei synths e dell’elettronica, dedicatisi fin da giovanissimi alla composizione e realizzazione di questo genere.
Nel tempo si staccano dallo stile più commerciale e predefinito, sviluppando un metodo ben lontano dagli schemi tradizionali. Non si abbandonano però ad eccessivi sperimentalismi e fanno nascere infine il progetto Demiurgo. Nei loro brani hanno influenze diverse, derivanti da new-age, colonne sonore, elettronica e classica-barocca, ma creano un’alchimia originale ed in eterna trasformazione, come essi stessi riferiscono. Il fascino che scaturisce dai loro cd è veramente sublime, tenendo conto della loro giovane età (25 e 22 anni) e della semplice strumentazione usata.
Li reputo ottimi sotto ogni aspetto, capacissimi di produrre album eccezionali, per la loro libertà di composizione e fantasia. Gli amanti del progressive troverebbero in questi autori della musica interessante, come anche gli appassionati del medieval-fantasy.
Un’elettronica che sa accontentare una larga cerchia di fans, non per la banalità, ma per l’interezza che ne deriva.